Il nostro simbolo

L'origine e i significati

simbolo Scuola Orientale - bianco

Il rettangolo. Questo identifica l’appartenenza a un ristretto gruppo di persone che condividono un percorso di apprendimento e di crescita, ovvero gli appartenenti alla Scuola.

1 di 8

Gli angoli smussati rappresentano il costante lavoro di levigatura degli “spigoli” della nostra natura. “Così come la goccia può scavare la montagna, anche l’uomo può cambiare la propria natura“.

2 di 8

Il rettangolo più interno e aperto simboleggia il punto di acceso a un sentiero, Un cammino tortuoso, labirintico, con alti e bassi e punti di fermo. Le Arti Interne sono lo specchio della vita imprevedibile e in continua evoluzione, proprio come la ciclicità rappresentata dalla lettera “O”.

3 di 8

La lettera S: l’iniziale di Scuola (Kwoon in cinese). La forma sinuosa è un richiamo alle caratteristiche fisiche tipiche delle Arti Interne: morbidezza, flessibilità e adattabiliutà. “S” è anche l’iniziale di Strategia, base della filosofia Confuciana.

4 di 8

Le due linee. Rappresentano i valori di uguaglianza e reciprocità caratteristici di una famiglia di Kung Fu. Essi sono anche quegli elementi che ne determinano le curve, quindi rappresentano le forze e le avversità che plasmano la nostra natura durante il cammino.

5 di 8

La lettera O. L’Oriente è il luogo di nascita delle arti marziali e del sorgere del sole, la luce intesa come illuminazione spirituale, intellettuale e morale. Il cerchio: nessuno spigolo, totale equilibrio, l’infinito. La perfezione a cui bisogna tendere, consapevoli della sua irraggiungibilità.

Il cerchio diventa sfera, che rappresenta la forza universale Hun Yuan Li, l’espansione prerogativa di tutte le forze e i movimenti, ma diventa anche spirale, rappresentazione della profondità necessaria per accedere a piani di comprensione più elevati. la O rappresenta la filosofia del Taoismo, ovvero l’equilibrio.

6 di 8

Le tre linee. I tre tesori: l’equilibrio fisico (combattimento), l’equilibrio tra copro e mente (salute) e infine la cultura. Le tre linee rappresentano i tre piani di lavoro delle Arti Interne (Corpo, Mente ed Energia), le tre dimensioni (Terra, Uomo e Cielo) e i tre corpi dell’ermetismo (Materiale, Ancestrale e Mentale).
nel Libro dei Mutamenti, la combinazione di linee intere (Yang) e spezzate (Yin) a gruppi di tre sono definite trigrammi. Quello con tre linee continue è il primo, l’inizio, e rappresenta la forza (Quian), la lotta, il cielo e la preservazione. Rappresentano anche la filosofia buddista del distaccamento, “qui e ora”.

7 di 8

Il colore rosso (Hong in cinese) simboleggia la prosperità e la felicità. Il nostro simbolo è chiaramente ispirato ai sigilli tradizionali cinesi, che venivano usati come autenticazione. Essi sono il connubio tra calligrafia e scultura. Tutti i sigilli utilizzavano l’inchiostro di colore rosso.

8 di 8